Sei in: Home > Laurearsi > La prova finale > Modalità di svolgimento della Prova finale

Modalità di svolgimento della Prova finale 

Modalità di svolgimento della prova finale, che sarà suddivisa in discussione per sottocommissioni e proclamazione collettiva.

Regolamento per la discussione dell’elaborato finale

-          La prova finale per il conseguimento della Laurea è pubblica e consiste nella discussione di un testo scritto dal candidato, compreso di norma tra un minimo di 50.000 a un massimo di 140.000 battute, spazi inclusi.

-          La prova può avvalersi di supporti di tipo cartaceo, informatico, audiovisivo, multimediale od altro.

-          La prova finale della Laurea verrà assegnata di norma in una disciplina che sia stata inserita dallo studente nel piano degli studi; eventuali situazioni eccezionali dovranno essere valutate dal Consiglio di Corso di Laurea. Il relatore della prova finale è o il responsabile didattico della disciplina o il docente con cui si è sostenuto l'esame della disciplina stessa.

-          Il relatore / la relatrice individua almeno due colleghi/e della stessa area disciplinare o di aree disciplinari affini a quella dell’argomento trattato nella tesi e compone la sottocommissione di fronte alla quale il laureando / la laureanda presenterà il proprio elaborato; ogni sottocommissione si compone dunque di almeno tre membri, tra i quali almeno due strutturati (po, pa, ric, rtd).

-          Non vi è limite al numero di elaborati presentati di fronte ad ogni sottocommissione.

-          Il relatore / la relatrice, in accordo con gli altri componenti, fissa la data e il luogo della discussione e li comunica, entro i termini indicati dal coordinatore, al tutor del corso e al laureando/alla laureanda. Il calendario delle discussioni e la composizione delle sottocommissioni vengono resi pubblici entro i termini stabiliti dal consiglio di cds sul sito del cds e nella bacheca del Dipartimento di riferimento.

-          La discussione dell’elaborato è pubblica.

-      I laureandi/le laureande devono inviare a OGNI MEMBRO della propria sottocommissione l'elaborato finale (in pdf o in copia cartacea, a loro discrezione) almeno una settimana prima della discussione;
almeno un membro della sottocommissione (oltre al relatore) fungerà da discussant dell’elaborato finale.

- L'elaborato per la Segreteria viene caricato on line, in pdf, entro le date stabilite e nei modi indicati sul sito.

-          Ogni docente può far parte di più sottocommissioni per ogni seduta di laurea, sia come relatore / relatrice che come discussant.

-          Al termine della seduta il segretario redige il verbale, compilando l’apposito modulo, che dovrà contenere: nome e cognome dei commissari; nome, cognome e matricola dei laureandi/delle laureande, titolo degli elaborati e proposta di punteggio per ogni singolo elaborato:

0 punti

1 punto

2 punti

3 punti

3 punti + eventuale lode

L’attribuzione del punteggio massimo (3 punti o 3 punti + lode) è possibile solo per tesi realmente eccellenti, che abbiano un qualche carattere di originalità, con una bibliografia ordinata, coerente ed esaustiva, che rivelino piena padronanza della lingua italiana e buona capacità di pianificazione e redazione di un testo scritto.

L’assegnazione del punteggio all’elaborato finale avviene senza conoscere il voto di ammissione dello studente / della studentessa. Qualora all’elaborato finale fosse assegnato il punteggio massimo (3+lode), ma la somma con il voto di ammissione non permettesse l’attribuzione della lode, il punteggio viene convertito in 4 punti (ad esempio, se lo studente / la studentessa fosse ammesso/a con 105 e il suo elaborato finale ottenesse il punteggio di 3 punti con lode, il voto finale sarebbe di 109).

Qualora al candidato / alla candidata fossero attribuiti 3 punti, senza esplicita indicazione di lode, e la somma dei punti attribuiti e del punteggio di partenza fosse superiore a 110 (cioè maggiore o uguale a 111), al candidato / alla candidata viene attribuita d’ufficio la lode.

Il modulo viene consegnato, in originale, al tutor del corso o all’ufficio didattico del dipartimento di riferimento o inviato per email, in pdf, al tutor del corso entro la data stabilita dal consiglio di corso.

-          La commissione redige un verbale per ogni candidato

-          Al termine della discussione non avviene alcuna proclamazione; la discussione non attribuisce la laurea.

-          La mancata discussione dell’elaborato in sottocommissione comporta l’impossibilità di laurearsi nella stessa sessione

-          In sede di laurea, la commissione per la prova finale assegnerà il voto finale, senza alcuna discussione aggiuntiva dell’elaborato da parte del laureando/della laureanda

-          La commissione per la proclamazione è composta da 3 membri effettivi e 2 supplenti (che dovranno tenersi a disposizione nel giorno fissato per la proclamazione), scelti tra il personale strutturato del corso di studio; prima della proclamazione la commissione compila i verbali e assegna il voto di laurea , considerando il voto di ammissione e la proposta di valutazione dell’elaborato finale formulata dalla sottocommissione.
Alla proclamazione ogni laureando/a potrà essere accompagnato da un massimo di 5 persone.

© Copyright 2017 - ALMA MATER STUDIORUM - Università di Bologna  -  Via Zamboni, 33 - 40126 Bologna - Partita IVA: 01131710376