Vai alla Homepage del Campus di Forlì Laurea in Mediazione linguistica interculturale

Prospettive

Profili professionali

Mediatrice/tore linguistica nell’ambito dei rapporti internazionali a livello interpersonale e di impresa


FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il mediatore linguistico si occupa di mediazione linguistica, di interpretazione di trattativa e traduzione, di ricerca documentale e cura la redazione di testi in ambito nazionale e/o internazionale. Può essere un libero professionista o dipendente in aziende produttive o in aziende specifiche nei settori dei servizi linguistici e comunicazione, con un livello di autonomia medio.
COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Alla sicura competenza linguistica in due lingue straniere e ad una conoscenza approfondita della propria madrelingua (redazione ed elaborazione di testi complessi), per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte si aggiungono specifiche conoscenze e competenze in ambito socio-economico, giuridico e umanistico. Può essere necessaria una maggiore specializzazione e capacità di approfondimento in uno o più settori di professionalizzazione.
Oltre a capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo, sono richieste adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo-gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti/utenti).
SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Attività professionale autonoma o dipendente, in ambito linguistico-interculturale, presso aziende, istituzioni, organizzazioni ed enti nazionali ed internazionali, pubblici e privati.

Proseguire gli studi

Dà accesso agli studi di secondo ciclo (laurea specialistica/magistrale) e master universitario di primo livello