Vai alla Homepage del Campus di Forlì Laurea in Mediazione linguistica interculturale

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUISTICO-CULTURALE
Il laureato:
- Conosce bene almeno due lingue straniere, (livello C1 del quadro di riferimento europeo) oltre all'italiano;
- Conosce a livello intermedio una terza lingua straniera e la relativa cultura di riferimento;
- Sa comprendere e produrre un'ampia gamma di testi scritti e discorsi orali complessi in almeno due lingue straniere, oltre all'italiano;
- Conosce le basi delle discipline cultural-letterarie, economico- giuridiche, socio-antropologiche e gli strumenti per la comunicazione e la gestione delle informazioni.


AREA DI APPRENDIMENTO: MEDIAZIONE ORALE (INTERPRETAZIONE DIALOGICA)
Il laureato:
- Conosce le problematiche della comunicazione e della mediazione interlinguistica ed interculturale orale in contesti diversi;
- Conosce i fondamenti etici e professionali richiesti dalla professione del mediatore linguistico e dell'interprete in contesti dialogici (di trattativa, di comunità e per i seftvizi pubblici).


AREA DI APPRENDIMENTO: MEDIAZIONE SCRITTA (TRADUZIONE)
Il laureato:
- conosce le tecniche traduttive per affrontare testi mediamente specialistici;
- conosce le risorse informatiche di supporto all'attività traduttiva.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUISTICO-CULTURALE
Il laureato:
- è in grado di esprimersi in modo scorrevole e spontaneo in due lingue straniere e, con relativa scioltezza e spontaneità, in una terza lingua straniera;
- è in grado di applicare le competenze e le conoscenze acquisite nel campo della mediazione interlinguistica e interculturale tra l'italiano e almeno tre lingue straniere;
- sa produrre testi scritti in italiano e nelle 3 lingue straniere.


AREA DI APPRENDIMENTO: MEDIAZIONE ORALE (INTERPRETAZIONE DIALOGICA)
Il laureato:
- è in grado in grado di applicare le competenze e conoscenze acquisite, nel campo della mediazione interlinguistica e interculturale tra l'italiano e tre lingue straniere, anche in nuovi ambiti
- è in grado di reperire autonomamente la documentazione e gestire le informazioni necessarie alla gestione dell'interpretazione dialogica;
- è in grado di interagire, gestire un pubblico, inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro, operare con autonomia organizzativa e lavorare in équipe.


AREA DI APPRENDIMENTO: MEDIAZIONE SCRITTA (TRADUZIONE)
Il laureato:
- è in grado di tradurre testi mediamente specialistici nelle due principali lingue studiate (prima e seconda lingua);
- è in grado di utilizzare risorse informatiche per la traduzione;
- è in grado di reperire autonomamente le risorse elettroniche utili per la traduzione di testi di settori specifici.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato è in grado di valutare e applicare comportamenti deontologicamente corretti rispetto alle problematiche della comunicazione e della mediazione interlinguistica ed interculturale.
L'autonomia di giudizio sopra indicata viene sviluppata tramite la partecipazione alle lezioni seminariali interattive ed alle esercitazioni pratico-applicative previste dalle attività formative attivate nell'ambito dei settori scientifico-disciplinari di base, caratterizzanti, affini o integrative e dalle altre attività formative le cui modalità sono concentrate sull'applicazione di principi generali a specifici casi di studio, e soprattutto tramite project work e lo studio personale guidato sostenuto dalle attività di tutorato e lo studio individuale.
La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene principalmente tramite le esercitazioni e le prove d'esame di carattere pratico-applicativo, che si svolgono sia in gruppo che individualmente, in forma orale e/o scritta, sia come prova somministrata a gruppi di studenti sia come elaborato realizzato individualmente, e vertono soprattutto sull'applicazione di principi generali a specifici casi di studio.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato è in grado di comunicare nelle modalità orali e scritte in situazioni interlinguistiche ed interculturali in italiano ed in almeno tre lingue straniere.
Nel caso del Corso di Studio proposto, le competenze e le abilità comunicative orali e scritte di base ma soprattutto quelle avanzate, necessarie per la mediazione interculturale e interlinguistica ed in particolare per le tecniche della traduzione e dell'interpretazione di trattativa, non sono semplicemente uno dei diversi obiettivi formativi declinati nei risultati di apprendimento attesi, ma costituiscono l'essenza stessa dell'intero percorso formativo e di conseguenza sono sviluppate in diverso modo e con gradualità in tutte le attività formative previste sia in italiano che nelle lingue straniere di studio.
La verifica dell'acquisizione delle competenze e delle abilità comunicative orali e scritte di base e avanzate avviene principalmente attraverso le esercitazioni e le prove d'esame di carattere pratico-applicativo, che si svolgono sia individualmente che in gruppo, in forma orale e/o scritta, sia come prova somministrata a gruppi di studenti sia come elaborato realizzato individualmente.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato è in grado di elaborare autonomamente ulteriori conoscenze e competenze di livello superiore a partire dalla esposizione sia diretta che mediata ai rilevanti dati esperienziali.
Le sopra citate capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studi nel suo
complesso, grazie all'esposizione dello studente:
1) all'ampio ventaglio di contenuti previsti dalle attività formative attivate nell'ambito dei settori scientifico-disciplinari di base, caratterizzanti, affini o integrative e dalle altre attività formative;
2) all'altrettanto ampio ventaglio di modalità e strumenti didattici necessari per poter conseguire i risultati di apprendimento attesi, che prevede:
- lezioni cattedratiche teorico-metodologiche ma soprattutto lezioni seminariali interattive
ed esercitazioni pratiche, i cui contenuti vertono in ogni caso sia su principi generali che sulla loro applicazione a specifici casi di studio;
- a piccoli gruppi, con docenti madrelingua e con docenti professionisti, in aule attrezzate ed in laboratori linguistici ed informatici;
- su materiali didattici esistenti (tradizionali ed avanzati, su supporti cartacei, elettronici e multimediali), ma soprattutto su materiali elaborati specificamente all'interno del CdS grazie alla competenza scientifico-didattica ed anche specificamente lavorativa dei diversi docenti, molti dei quali sono professionisti del settore, ed anche con strumenti e procedure di e-learning.
- studio personale guidato sostenuto dalle attività di tutorato, e studio individuale. Le capacità di apprendimento vengono valutate con l'intero spettro di modalità e strumenti didattici previsti: le esercitazioni e le prove d'esame sono di carattere anche teorico-metodologico ma soprattutto pratico-applicativo, si svolgono sia individualmente che in gruppo, ed avvengono in forma orale e/o scritta, sia come prova somministrata a gruppi di studenti sia come elaborato realizzato individualmente, su materiali e supporti tradizionali ed avanzati, cartacei, elettronici e multimediali, ed in ogni caso vertono sia su principi generali che soprattutto sulla loro applicazione a casi di studio.