Vai alla Homepage del Campus di Ravenna Laurea in Ingegneria edile

Prospettive

Profili professionali

Ingegnere Edile - Il superamento dell'esame di Stato abilita l'Ingegnere Edile a tutte le attività professionali del settore civile/ambientale dell'Albo degli Ingegneri, sezione B.


FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
La figura professionale è quella di progettista di opere edili e di tecnico con capacità di gestione e coordinamento di strutture professionali ed imprenditoriali (project manager).
Tale ruolo può essere svolto in concorso e collaborazione con ingegneri magistrali oppure in autonomia, secondo le disposizioni di legge.
Rispetto agli ambiti lavorativi nei quali può operare, l'ingegnere edile è in grado di svolgere le seguenti funzioni:
- Progettare o collaborare alla progettazione di edifici ed insediamenti complessi,gestendone la realizzazione in tutte le fasi operative, tecniche e procedurali (compresi i rapporti con i clienti, i fornitori e la pubblica amministrazione);
- Rilevare, analizzare e valutare il patrimonio edilizio esistente e progettarne il recupero in tutti i suoi aspetti, architettonici, funzionali, strutturali ed impiantistici, nei limiti consentiti dalle norme vigenti in Italia e negli altri Paesi europei;
- Riconoscere gli elementi storico-ambientali del territorio ed elaborarne i relativi progetti e piani di valorizzazione e tutela;
- Partecipare al lavoro di gruppi interdisciplinari per la realizzazione di progetti urbani, con adeguata conoscenza non solo degli aspetti tecnici, ma anche di quelli di fattibilità economica e di compatibilità ambientale;
- Lavorare alla realizzazione di costruzioni edili e di infrastrutture, e redigere ed applicare i piani di sicurezza dei cantieri edili;
- Collaborare alla gestione di aziende o loro reparti, progettare e sperimentare prodotti, gestirne il processo produttivo e la commercializzazione, anche con responsabilità sugli aspetti relativi alla qualità, alla sicurezza, all'impatto ambientale delle attività aziendali.
COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
La figura professionale ha specifiche competenze ingegneristiche associate alla risoluzione delle problematiche cantieristiche della progettazione e dell'esecuzione delle opere, sia per quanto riguarda il controllo delle procedure tecniche, normative e di processo, sia nella gestione delle commessa e nei rapporti istituiti con committenti pubblici e privati.
Nel caso di ingegneri edili impiegati in imprese di produzione si richiedono competenze nelle funzioni di controllo e coordinamento delle fasi produttive svolte in stabilimento, nella formulazione dei protocolli normativi ed esecutivi dei processi, nelle verifiche prestazionali sulla qualità di materiali e componenti.
SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Tecnico laureato, libero professionista o dipendente, all'interno di:
- Studi professionali o Società di Ingegneria;
- Aziende private (in strutture tecniche, commerciali o produttive);
- Pubblica Amministrazione (Uffici Urbanistici e dei Lavori Pubblici, Soprintendenze e Direzioni Regionali dei Beni Culturali e Paesaggistici, Enti Locali, ASL, Agenzie del Demanio, Agenzie del Territorio, Uffici Genio Civile, Vigili del Fuoco, Motorizzazione Civile, etc..).

Proseguire gli studi

Il titolo dà accesso agli studi di secondo ciclo (Corsi di laurea magistrale) e master universitario di primo livello.