Vai alla Homepage del Portale di Ateneo Laurea in Verde ornamentale e tutela del paesaggio

Prospettive

Profili professionali

Tecnico degli spazi verdi e del paesaggio


FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il tecnico degli spazi verdi e del paesaggio è un professionista che opera nel settore florovivaistico e nella progettazione e gestione delle aree verdi. Il tecnico degli spazi verdi e del paesaggio:
- opera interventi di analisi, pianificazione, progettazione, riqualificazione, realizzazione, valutazione e gestione di parchi e giardini, verde pubblico e privato, verde stradale e sportivo, inerbimenti tecnici, verde architettonico, aree di interesse naturalistico e ambientale, risorse agroforestali, elementi del paesaggio e del territorio rurale;
- pianifica, gestisce e conduce le attività di produzione e commercializzazione del settore florovivaistico;
- opera la diagnosi e programma e mette in atto la difesa fitosanitaria di ecosistemi urbani, agrari e forestali.
Svolge inoltre consulenza in materia di:
- studi di settore per la valutazione di impatto ambientale e paesaggistico;
- progettazione e gestione di programmi di valorizzazione paesaggistica e naturalistica;
- pianificazione urbanistico-territoriale.
COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Il tecnico degli spazi verdi e del paesaggio:
- cura la progettazione e gestione delle aree verdi dalle fasi compositive e di scelta delle essenze, a quelle della realizzazione e manutenzione, in ambito sia urbano che extraurbano, perseguendo la qualità e la sostenibilità economica ed ambientale degli interventi;
- applica conoscenze e competenze di tipo specialistico orientate alla qualità, all’efficienza ed alla sostenibilità economica ed ambientale delle produzioni florovivaistiche (valutazioni tecnico-economiche, gestionali ed organizzative);
- effettua valutazioni specifiche e mirate ed adotta strategie integrate per la manutenzione e la difesa del verde;
- mette in atto prassi di auto-apprendimento e aggiornamento continuo, e competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo-gestionale e di programmazione, nonché capacità di collaborazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate ed in funzione dei principali interlocutori nel contesto lavorativo (colleghi, altri professionisti, clienti pubblici e/o privati).
Il tecnico degli spazi verdi e del paesaggio è in grado di lavorare in autonomia esprimendo capacità di sintesi o sfruttando le proprie competenze specifiche, ma ha anche una spiccata attitudine al lavoro di gruppo interdisciplinare, possedendo gli strumenti di raccordo tra la figura dell’agronomo e quella del paesaggista.
SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Il tecnico degli spazi verdi e del paesaggio è in grado di svolgere attività di libera professione in forma singola o associata e di lavorare come dipendente presso enti pubblici o privati, aziende ed imprese, in Italia o all’estero, nei settori del florovivaismo e della pianificazione, progettazione e gestione del verde, degli spazi aperti e del paesaggio urbano, rurale, naturale. Previo superamento dell’esame di stato il laureato può iscriversi all’ordine professionale dei dottori agronomi e forestali nella sezione B-agronomi e forestali juniores.

Proseguire gli studi

Dà accesso agli studi di secondo ciclo (laurea specialistica/magistrale) e master universitario di primo livello.