Vai alla Homepage del Campus di Cesena Laurea Magistrale in Psicologia scolastica e di comunita'

Tirocini professionalizzanti post-laurea

Tirocinio Professionalizzante per Psicologo

Il tirocinio professionalizzante post lauream è necessario per poter accedere all'Esame di Stato (sezioni A e B dell'Albo) e deve essere svolto presso strutture (Dipartimenti/Istituti di Discipline Psicologiche delle Università, Aziende/Enti pubblici e privati) ritenute idonee dal Dipartimento di Psicologia, d'intesa con il competente Ordine degli Psicologi.

A chi è rivolto e durata dell’attività

Il tirocinio professionalizzante può iniziare esclusivamente dopo il conseguimento della Laurea.

I requisiti per l’accesso agli Esami di Stato sono:

  • per l’abilitazione all’esercizio della professione di Dottore in Tecniche Psicologiche (sezione B dell’Albo): Laurea di I° livello (L 24) e un semestre di tirocinio, per complessive 500 ore;
  • per l’abilitazione all’esercizio della professione di Psicologo (sezione A dell’Albo): Laurea Magistrale (LM 51) e un anno di tirocinio continuativo, per complessive 1.000 se svolto in un solo Ente o per un totale di 500 + 500 ore nei due semestri se svolto in due Enti diversi.Per tutte le informazioni necessarie consultare il Regolamento e le domande frequenti.

L’Ateneo di Bologna, a partire dal 1 gennaio 2019, non si rende più promotore di tirocini professionalizzanti per laureati presso altro Ateneo.

Come scegliere l’Azienda o l’Ente

  • Per individuare la sede di svolgimento del tirocinio, il laureato deve consultare l'elenco delle strutture convenzionate ed idonee ad ospitare tirocini professionalizzanti. Per poter inserire un nuovo tutor, non presente in elenco, è necessario compilare e inviare l’apposito modulo all'Ufficio Relazioni internazionali e Tirocini.
  • Devono necessariamente essere rispettate le caratteristiche riassunte nel progetto di tirocinio controfirmato dal Tutor Psicologo responsabile. In particolare la copertura assicurativa a carico di questo Ateneo opera nei soli limiti e termini in cui, ai sensi della normativa vigente, viene autorizzato il tirocinio e che pertanto questo Ateneo non assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali attività esuberanti – nei tempi o nei modi di svolgimento – gli ambiti fissati nel progetto di tirocinio.

Chi desiderasse proporre una nuova sede di tirocinio può consultare la relativa pagina informativa e successivamente contattare l'Ufficio Relazioni internazionali e Tirocini del Campus di Cesena. Si precisa comunque che l'iter di valutazione/approvazione di un nuovo ente ha una durata generalmente non inferiore a sei mesi. Fatti salvi i normali tempi di lavorazione, è comunque escluso che le richieste di valutazione dei requisiti di idoneità pervenute oltre la prima metà del mese di giugno possano essere valutate prima di settembre.

La sede di svolgimento del tirocinio deve in ogni caso essere convenzionata con l'Università e avere ottenuto la specifica idoneità ad ospitare i tirocini professionalizzanti prima dell'inizio dell'attività.

Le informazioni e le procedure per poter svolgere il tirocinio professionalizzante all'estero, disponibili in allegato, sono in fase di aggiornamento.

Come attivare il tirocinio

Dopo avere individuato l'azienda ospitante, il tirocinante deve prendere contatti col referente aziendale ed accordarsi rispetto al programma, ai tempi di partecipazione ed ai dettagli di tirocinio e presentare all'Ufficio Relazioni internazionali e Tirocini ( o mezzo posta raccomandata a/r all'indirizzo: Via Finali, 56 - 47521 Cesena FC) la domanda di tirocinio composta da:

  1. Domanda al Magnifico Rettore (con una marca da bollo da 16,00 euro e compilata in ogni sua parte) che va presentata solo una volta, all'inizio dell'attività;
  2. Autorizzazione dell'Ente, a cura della struttura ospitante;
  3. Progetto di tirocinio a cura del Tutor psicologo;
  4. Ricevuta del pagamento di euro 104,64 che deve avvenire presso qualsiasi Agenzia UNICREDIT BANCA presente sul territorio italiano attraverso il modulo che si può scaricare da questa pagina. Vale l'intero anno di tirocinio.
    Tutti i documenti devono essere presentati in formato originale.

NB: Coloro che hanno intenzione di sostenere l'Esame di Stato presso il nostro Ateneo nella sessione di novembre 2019 e che si laureano nella sessione di novembre 2018 devono presentare domanda e iniziare il tirocinio entro e non oltre il 21 novembre 2018. Le 1000 ore dovranno essere pertanto svolte entro la data precedente la prima prova dell'Esame di Stato di novembre 2019. In caso si intenda sostenere l'Esame di Stato presso Altri Atenei è necessario verificare le norme interne di questi ultimi.

Approvazione del tirocinio

Dopo aver registrato la domanda, l'Ufficio invierà una conferma tramite e-mail e il registro presenze di tirocinio valido per l'intero anno di tirocinio, nel quale dovrà essere registrata l'attività giornaliera svolta: tale registro dovrà essere compilato quotidianamente dal tirocinante sotto la supervisione del tutor, controfirmato e timbrato al fine della certificazione delle presenze. L'attività non può essere iniziata senza l'autorizzazione dell'ufficio, che provvede a rilasciarla tramite l'invio del registro presenze.

Rinuncia, interruzione, sospensione

Se il tirocinante intende rinunciare, sospendere o interrompere l’attività per motivi che non gli consentono più la regolare prosecuzione, deve consultare il Regolamento e le domande frequenti e contattare l’Ufficio Relazioni internazionali e Tirocini.

Cosa fare al termine del tirocinio

Al termine dell'anno di tirocinio è obbligatoriamente riconsegnare (o spedire) all'Ufficio il registro presenze prima di presentare domanda di Esame di Stato. E’ necessario inoltre compilare il questionario online predisposto in collaborazione con l'Ordine professionale degli Psicologi dell'Emilia Romagna. Al termine della compilazione è necessario stampare la ricevuta e consegnarla all'Ufficio unitamente al registro presenze. Per effetto della Legge n. 15/2011 non è possibile rilasciare il certificato di tirocinio svolto in quanto tra pubbliche amministrazioni non vengono emessi certificati. Il tirocinante è pertanto è tenuto a produrre un'autocertificazione.

Copertura assicurativa

L'Università di Bologna garantisce la copertura assicurativa contro gli infortuni sul lavoro, nonché per la responsabilità civile, presso compagnie assicurative operanti nel settore.

Nel caso di trasferte presso sedi o strutture non indicate nel programma di tirocinio curriculare già approvato, è possibile richiedere l’estensione delle coperture assicurative anche durante il tirocinio, purché le trasferte siano comunque coerenti con gli obiettivi del tirocinio e previa comunicazione scritta campuscesena.tirocini@unibo.it all’Ufficio.

Il Corso "Sicurezza e salute sul lavoro” è obbligatorio per tutti i laureati che intendono svolgere un tirocinio.

Per ogni chiarimento è possibile contattare l'Ufficio Relazioni internazionali e Tirocini.

 Per saperne di più: