Vai alla Homepage del Portale di Ateneo Laurea Magistrale in Ingegneria chimica e di processo

Prospettive

La laurea magistrale forma figure professionali capaci di operare con successo nella realtà fortemente internazionalizzata dei settori industriali di riferimento, che, oltre all’industria chimica e petrolchimica, comprendono l’industria petrolifera, energetica, alimentare e biotecnologica, dei materiali, e farmaceutica.

Laureati in ingegneria chimica operano in aziende quali Eni, Saipem, Erg, Shell, ENEL, BASF, Lyondellbasell, Solvay, Procter and Gamble, Novartis, Biochemtex e moltissime altre.

I laureati in Ingegneria Chimica hanno una elevata capacità di innovazione e le competenze per operare con successo nei settori della progettazione, della gestione operativa, del controllo, della sicurezza e della tutela ambientale di impianti, sistemi e servizi industriali.

Sono poi aperte ai laureati possibilità di lavoro nella ricerca e sviluppo industriale, in particolare in relazione ai processi innovativi, ai materiali, all’ambiente ed alla sicurezza.

Le prospettive occupazionali in generale sono molto buone, almeno nell’attuale situazione del mercato del lavoro (il tasso di occupazione ad un anno dei Laureati Magistrali in Ingegneria Chimica e di Processo a Bologna è pari al 93.8%)

E’ possibile inoltre proseguire la formazione verso figure professionali di alta specializzazione e con un profilo marcatamente internazionale. In questo contesto l’Università di Bologna offre:

Ulteriori informazioni...

sua logo

Approfondisci su scheda ministeriale

Corso di Ingegneria chimica e di processo - codice 8896
Profili professionali Ingegnere Chimico FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO: L’Ingegnere Chimico formato nella laurea magistrale è una figura professionale di alta specializzazione che opera nello sviluppo,… Leggi di più