Vai alla Homepage del Portale di Ateneo Laurea Magistrale in Archeologia e culture del mondo antico

Laboratorio di Materiali lapidei tardoantichi (2 cfu)

Responsabile scientifico: Isabella Baldini, con la collaborazione del prof. G. Bargossi e della dott.ssa Giulia Marsili

Periodo: 17-21 gennaio 2022, 9.30-13.30

Modalità di erogazione: in presenza

Luogo: Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Piazza S. Giovanni in Monte 2, Bologna; BIGEA, Piazza porta san Donato.

N. studenti ammessi: 10

Mail: isabella.baldini@unibo.it; giulia.marsili2@unibo.it

Obiettivi

Il laboratorio ha come obiettivo l’apprendimento degli aspetti pratici della documentazione, catalogazione e studio dei materiali lapidei tardoantichi, sia sotto il profilo petrografico che archeologico. Le esercitazioni sono svolte su materiale archeologico proveniente dallo scavo di via d’Azeglio a Ravenna.

Programma

La prima sezione del laboratorio, svolta grazie alla collaborazione del prof. Bargossi (BiGeA), affronta lo studio dei lapidei dal punto di vista petrografico e offre agli studenti le principali nozioni legate alla caratterizzazione delle rocce e alle tipologie di analisi scientifiche applicate ai materiali antichi per l’identificazione dei litotipi. Verrà data agli studenti la possibilità di osservare e analizzare sezioni sottili praticate sui lapidei di via d’Azeglio.

La seconda sezione del laboratorio, di carattere archeologico, si compone di lezioni frontali ed esercitazioni pratiche. Le prime intendono fornire agli studenti le nozioni fondamentali relative alle tecniche di lavorazione dei manufatti in pietra, dalla cava alla messa in opera, e alle tipologie di arredo architettonico e liturgico utilizzate nella tarda antichità, con numerosi riferimenti anche al periodo alto e medio imperiale, anche tramite l’ausilio di contributi audio-visivi illustrativi degli strumenti e delle pratiche artigianali. Gli studenti potranno acquisire i metodi tradizionali di disegno grafico e di documentazione fotografica dei reperti attraverso esercitazioni pratiche.

Il laboratorio comprende circa 20 ore di attività pratica svolte collettivamente e 30 ore di attività individuale grazie ai quali gli studenti potranno applicare le metodologie di documentazione, disegno, catalogazione e fotografia dei reperti apprese in laboratorio.

Al termine del laboratorio gli studenti avranno acquisito la metodologia di base di studio dei reperti lapidei tardoantichi, dall’abilità manuale di disegno e riconoscimento delle tracce di lavorazione all’identificazione dei litotipi su base petrografica fino alla contestualizzazione storico-archeologica dei reperti.

Bibliografia essenziale

R. Gnoli, Marmora romana, Roma 1989.

G. Borghini (a c.), Marmi Antichi I, Roma 1989.

P. Pensabene, Marmi antichi II: cave e tecnica di lavorazione, provenienze e distribuzione, Roma 1998.

M. De Nuccio, L. Ungaro, P. Pensabene, L. Lazzarini (a c.), I marmi colorati della Roma imperiale, Venezia 2002.

D. Del Bufalo, Marmi colorati: le pietre e l'architettura dall'antico al barocco, Roma 2003.

L. Lazzarini, Pietre e marmi antichi: natura, caratterizzazione, origine, storia d'uso, diffusione, collezionismo, Padova 2004.

L. Lazzarini, Pisa 2007.PoikiloiLithoi, Versiculores Maculae. I marmi colorati della Grecia antica: storia, uso, diffusione, cave, geologia.

Altri laboratori consigliati per il percorso tardoantico

Laboratorio di epigrafia e sigillografia

Archeologia e cultura materiale nel medioevo